unisa ITA  unisa ENG


Convegni Centro Linguistico

2015

Università degli Studi di Salerno

Centro Linguistico d’Ateneo

Mercoledì 29 novembre, giovedì 30 novembre, venerdì primo dicembre 2017

 

IV WORKSHOP INTERNAZIONALE

 Senza frontiere: Nuove prospettive di ricerca e intervento nell’insegnamento/apprendimento delle lingue

 

Il Centro Linguistico dell’Università di Salerno, in collaborazione con gli Istituti di Cultura: Grenoble, Alliance Française, Cervantes, Goethe, British Council, e il Centro di Servizio di Ateneo per l'erogazione dei Servizi Linguistici UniParthenope organizza il convegno: “Senza frontiere: Nuove prospettive di ricerca e intervento nell’insegnamento/apprendimento delle lingue”.

 

Tematiche e obiettivi del workshop

 

I molteplici rapporti della tecnologia con il mondo dei linguaggi e della comunicazione si sono tradotti in concrete opportunità per l’attuazione di una didattica linguistica innovativa ed efficace, che integra la complessità di rappresentazione delle informazioni (testi, immagini, filmati, suoni) con un’essenziale semplicità di utilizzo. L’impiego ai fini scientifici e didattici di imponenti banche dati terminologiche e basi testuali ha profondamente modificato, e continua incessantemente a modificare, le prospettive attraverso le quali il ricercatore osserva i fenomeni linguistici o comunque legati all’apprendimento delle lingue. Sembra, pertanto, difficile trarre nel breve termine conclusioni certe circa le risposte che tali strumenti sapranno dare alle future generazioni di ricercatori e studenti. È possibile, invece, constatare sin da ora come la rivoluzione informatica abbia ampliato le prospettive di ricerca fornendo strumenti sempre più nuovi per affinare le metodologie d’indagine e, di conseguenza, garantire l’attendibilità dei risultati. In tal senso il ruolo delle tecnologie, inteso in senso ampio, inclusivo di database linguistici, corpora, uso di internet e della scrittura mediata da computer, dizionari elettronici e materiali per l’apprendimento linguistico assistito, si trova al centro della riflessione attuale sulle nuove tecnologie di apprendimento/insegnamento delle lingue, soprattutto sulla base di moderne e più interessanti esperienze. In questo senso word processor, database, publishing, ipertesti, telematica, opere elettroniche, sono tutti software nati senza alcuna intenzionalità didattica, il cui uso fornisce tuttavia stimolo e concretezza a molte delle attività di apprendimento, nonché a permetterne di nuove. Il ruolo delle tecnologie supporta, di fatto, non solamente modelli tradizionali di apprendimento, ma anche la creazione di nuove teorie di educazione linguistica interattive e collaborative. La sollecitazione al rinnovamento può, ovviamente, avere molteplici motivazioni, non ultima quella legata all’evoluzione della società che esige scelte educative più adatte a una realtà non più monoculturale e monolinguistica, bensì mobile e complessa. A queste ragioni si aggiunge, tra l’altro, la consapevolezza che il compito del ricercatore non è tanto trovare una spiegazione inequivocabile a qualsiasi interrogativo, ma piuttosto rimodulare ordini concettuali, rappresentare il reale e ricostruirne la trama attraverso metodi educativi e didattici rispondenti a realtà sociali e culturali profondamente mutate.

Il convegno, che riunisce esponenti del Cla di Salerno e studiosi di diversa provenienza, vuole essere momento di dialogo, confronto e riflessione sui molteplici rapporti della tecnologia con il mondo dei linguaggi e della comunicazione, che si sono tradotti in concrete opportunità per l’attuazione di un insegnamento/apprendimento delle lingue innovativo ed efficiente, in grado di assicurare nuove modalità di fruizione dei servizi di formazione linguistica  anche a distanza (FAD) e in modalità di long life learning.

Data la vastità dell’argomento, sono state individuate le seguenti linee direttrici: 

-         Nuove modalità di apprendimento del lessico e della fraseologia

-         Per una didattica della letteratura: prospettive evolutive e interdisciplinari

-         Nuove forme di apprendimento precoce della lingua 2

-         Didattica dell’italiano L2

-         Metodologia CLIL: prospettive e nuovi traguardi

Riferimenti invio proposte contributi

I contributi possono essere redatti nelle lingue europee.

Per inviare la propria proposta:

Email: ropellegrino@unisa.it

Oggetto Workshop CLA UNISA 2017

Titolo contributo

Nome autore/i, Istituzione di appartenenza, indirizzo mail

Lingua scelta: indicare una delle lingue europee

Scadenza invio abstract: 15 ottobre 2017

Scadenza comunicazione di accettazione della proposta: 1 Novembre 2017

Scadenza invio testi per pubblicazione atti: 30 Dicembre 2017